Posts contrassegnato dai tag ‘ISLA BONITA VIAGGI’

Dal 5 al 18 agosto 2017

Bali: l’Isola degli Dei

Durata: 13 gg/11 notti

Partenza da: Roma

Sistemazione in Hotel 3 stelle con colazione

La quota comprende n. 3 escursioni di un’intera giornata con accompagnatore che parla italiano.

Tasse aeroportuali incluse.

Prezzo: Euro 1.550 a persona

Assicurazione annullamento e spese sanitarie facoltative (da calcolare a parte)

AFFRETTATEVI !!!!

Cosa occorre per il tuo viaggio

Cosa non deve mai mancare in vacanza

Organizzazione: Isla Bonita Viaggi – Montevarchi (Ar) – tel. 055 910 2177

Organizzazione: Isla Bonita Viaggi – Montevarchi (Ar) – tel. 055 910 2177

Annunci

19 febbraio 2017 Tenuta Presidenziale di CASTELPORZIANO e Ostia Antica

€ 49.00

(Organizzazione: Isla Bonita Viaggi – Montevarchi (Ar) – tel. 055 910 2177)

castelporzianopanoramica_teatro_di_ostia

Programma :

Partenza in pullman g/t da Viale Giotto (angolo bar Giotto) alle ore 06:00.o al Casello Arezzo ore 06.15.

amazon-it-roma-e-citta-del-vaticano-archeologia-palazzi-chiese-rioni-piazze-mercati-con-guida-alle-informazioni-pratiche-libri

Sosta lungo il percorso per la colazione. Pranzo libero in corso d’escursione. Arrivo a Ostia Antica, incontro con la nostra guida, inizio della visita. Il Tevere scorre vicino al Borgo Medievale raccolto presso il Castello rinascimentale, fatto costruire dal cardinale Giuliano della Rovere. Poco più in là, la distesa silenziosa delle tombe, delle terme, dei templi, del teatro, del Foro dell’antico porto di Roma. Visita dell’area archeologica con le Terme di Nettuno, il Teatro, Via della casa di Diana, il Foro, Via della Foce, Insula delle Muse.
Proseguimento per Castelporziano: La tenuta Presidenziale di Castelporziano, è una delle residenze del presidente della Repubblica dista circa 25 Km dal centro di Roma e si estende su una superficie di 5892 ettari. Castelporziano e la zona che lo circonda sono ricchi di storia. Sotto l’intrico della vegetazione, si incontrano i resti di acquedotti romani, ruderi di abitazioni, di ville imperiali e patrizie di cui la letteratura e le molte iscrizioni epigrafiche hanno tramandato la memoria. Nel 1561 la tenuta viene venduta al barone fiorentino Agostino Del Nero. Sotto la Signoria dei Del Nero, il tenimento gode di un lungo periodo di stabilità e di ordinato sviluppo, che continua anche successivamente al passaggio della proprietà, avvenuto nel 1823, alla famiglia Grazioli. I duchi Grazioli, intraprendono grandi lavori di restauro ed abbellimento del Castello e curano con rinnovato impegno la gestione agraria, forestale e venatoria; l’aspetto delle tenuta, come lo vediamo oggi, ricalca sostanzialmente l’assetto dato da questa famiglia. Con l’unificazione d’Italia e con la scelta di Roma come capitale, la Tenuta di Castelporziano fu acquistata nell’anno 1872 dallo Stato Italiano e l’atto di compravendita venne stipulato trai duchi Grazioli e l’allora ministro delle finanze, per destinarla alla famiglia reale quale residenza di caccia e rappresentanza. Col cambiamento del regime nel 1946 è entrata a far parte della dotazione del Presidente della Repubblica.
NOTA BENE La prenotazione del turno d’ingresso a Castelporziano si potrà effettuare solamente quando avremo il numero minimo dei partecipanti, e dovremo comunicare nome/cognome/luogo e data di nascita/ nazionalità di ogni partecipante. Qualora i dati anagrafici dei nominativi, trascritti nel report di prenotazione, non coincidano con i dati risultanti dai documenti, non sarà consentito l’accesso. Una volta effettuata la prenotazione non si potrà cambiare nome ed il biglietto non sarà rimborsabile. La conferma del viaggio sarà soggetta alla disponibilità che troveremo al momento della prenotazione. Visto la difficoltà della gestione delle prenotazioni si prega di prenotare prima possibile. L’ordine delle visite della giornata potrebbe essere invertito, in base all’orario d’ingresso che ci verrà assegnato a Castelporziano.
Al termine delle visite, alle ore 18:00 circa, partenza per il ritorno. No sosta per la cena.
N.B. il viaggio potrebbe essere annullato qualora l’agenzia non riesca a prenotare i turni d’ingresso a Castelporziano oppure per impegni di Stato se lo stesso venisse interdetto alle visite.

Quota di partecipazione € 49,00
Quota di partecipazione bambini da 6 a 14 anni € 30,00

La quota comprende: Viaggio in bus g/t – servizio di guida specializzata per la visita di Ostia Antica – Assicurazione medica – Accompagnatore Pepita
La quota non comprende: Pranzo – Ingresso a Castelporziano da saldare in agenzia (biglietto nominativo non rimborsabile) € 10,00 per chi ha tra 18/25 anni /più di 65 / insegnanti delle scuole medie e superiori con documento attestante € 5,00 / meno di 18 anni l’ingresso sarà gratuito
Scavi di Ostia Antica € 8,00 / per chi ha – 18 anni ingresso gratuito / per chi ha tra i 18 e 25 anni e insegnanti delle scuole medie e superiori con documento attestante il costo sarà di € 4,00 – Eventuali Auricolari obbligatori (non previsti al momento della stampa del presente programma)

Per usufruire delle riduzioni e gratuità sugli ingressi è necessario presentare un documento d’identità
I POSTI IN PULLMAN SARANNO ASSEGNATI IN ORDINE DI PRENOTAZIONE
IL VIAGGIO SARA’ CONFERMATO CON MINIMO 30 PARTECIPANTI
SALDO ALL’ATTO DELLA PRENOTAZIONE

NECESSARIA CARTA D’IDENTITA’ PER L’INGRESSO A CASTELPORZIANO

17 FEBBRAIO/20 FEBBRAIO 2017 CARNEVALE DI PUTIGNANO !!!
Castel del Monte – Alberobello – Ostuni
Polignano a Mare
€ 290.00
Partenza con bus da Arezzo viale Giotto / o Casello Arezzo
Programma :
PUTIGNANO – Castel del Monte – Alberobello – Ostuni – Polignano a Mare

(Organizzazione: Isla Bonita Viaggi – Montevarchi (Ar) – tel. 055 910 2177)

putignano1

Il Carnevale di Putignano… La tradizione fa risalire l’origine del Carnevale di Putignano al 1394, rendendolo uno dei carnevali più antichi d’Europa.

In quell’anno, i Cavalieri di Malta, che detenevano il governo del territorio, decidevano di trasferire le reliquie di Santo Stefano Martire dal Castello di Monopoli nell’entroterra, come tentativo di metterle al riparo dagli attacchi dei Saraceni. Putignano veniva scelta come meta per il trasferimento: all’arrivo delle reliquie i contadini, in quel momento impegnati nell’innesto della vite (ancor oggi, una delle attività agricole tipiche del territorio), lasciavano i campi e con faccia imbrattata di farina, recitavano in vernacolo scherzi, versi e satire. Secondo gli storici nascevano in quel momento le Propaggini, ancora oggi cuore della tradizione carnevalesca putignanese. È solo con l’epoca fascista che il carnevale contadino si trasformerà in un più raffinato carnevale borghese e cittadino: nascerà così la parata, caro modello comunicativo della cultura fascista, di carri allegorici.

A far da base per questa trasformazione della tradizione, la maestranza artigianale del paese che trasferirà le sue competenze di falegnameria nel ludico spasso carnascialesco. Si narra che il primo carro fosse stato realizzato utilizzando come “anima” una rete di un pollaio. Il carnevale di Putignano è uno dei più lunghi per durata. Comincia infatti il 26 dicembre con la cerimonia dello scambio del cero, cerimonia in cui la gente dona un cero alla chiesa, per chiedere perdono dei peccati che si commetteranno durante il’ Carnevale, per continuare la sera con le Propaggini. La festa delle Propaggini consiste nella recita di versetti in rima nel dialetto putignanese che prendono in giro i potenti del paese e vertono sugli argomenti più sentiti dell’anno trascorso. L’esposizione viene cantata da gruppi con abiti da contadino ed arnesi da lavoro in ricordo dell’ evento storico. Poi, a partire dal 17 gennaio, giorno di S. Antonio Abate, comincia un susseguirsi di giovedì in cui si ironizza su determinati strati sociali: in ordine, il giovedì dei monsignori, dei preti, delle monache, dei vedovi, degli scapoli, delle donne sposate e dei cornuti.

Il carnevale si conclude il martedì grasso, con una sfilata serale e il funerale del carnevale, rappresentato come un maiale.

17 Febbraio Venerdì AREZZO – CASTEL DEL MONTE
Partenza in pullman g/t da viale Giotto (angolo Bar Giotto) alle ore 5:30
Sosta per la colazione lungo il percorso. Arrivo a Castel del Monte e pranzo in tipico agriturismo. Nel primo pomeriggio incontro con la guida e visita di questo antico maniero circondato da pascoli in cima ad una collina, patrimonio dell’Unesco e capolavoro dell’architettura sveva voluto da Federico II, ma anche luogo magico e misterioso. Il castello è costruito direttamente su un banco roccioso, in molti punti affiorante, ed è universalmente noto per la sua forma ottagonale. Su ognuno degli otto spigoli si innestano otto torri della stessa forma nelle cortine murarie in pietra calcarea locale, segnate da una cornice marcapiano. In serata sistemazione in hotel nella zona di Alberobello/Ostuni o dintorni. Cena e pernottamento.

18 Febbraio Sabato ALBEROBELLO – POLIGNANO A MARE – OSTUNI
Prima colazione in hotel. Pranzo in ristorante in corso di escursione. Partenza per Alberobello: incontro con la guida e visita del centro storico della famosa “città dei trulli”. Passeggeremo per il rione “Aia piccola”, costituito da circa 400 trulli ancora tutti utilizzati come abitazioni. Visita a “Casa d’Amore”, la prima casa non trullo, Monumento Nazionale e Patrimonio UNESCO, simbolo della liberazione di Alberobello dal vassallaggio feudale (1797). Proseguimento per Polignano a mare, visita con guida del centro storico della famosa cittadina che ha dato i natali a Domenico Modugno, è una piccola roccaforte medievale, con tanti piccoli vicoletti e terrazze dalle quali è possibile ammirare il blu intenso del mare. Dai suoi 24 metri d’altezza, con il suo raggruppamento di casette bianche e con il suo passato che vanta origini greche (lo si evince dalla radice del suo nome “polis” ovvero città) Polignano a Mare attrae di continuo numerosissimi turisti che rimangono ammaliati da questo luogo incantevole che par essere un quadro. Partenza per Ostuni e visita con guida: passeggiata nel centro storico della “città bianca”, così chiamata per il biancore delle case costituenti il nucleo antico, autentico esempio di architettura mediterranea. La città si sviluppa su sette colline, il centro storico é chiuso da mura e torrioni cilindrici, medievale, caratterizzata da vie strette, gradinate, archi rampanti e alte case in cascata. Rientro in hotel, cena e pernottamento.

19 Febbraio Domenica CARNEVALE DI PUTIGNANO – AREZZO
Prima colazione in hotel. Pranzo libero in corso d’escursione. Partenza per Putignano per assistere ai festeggiamenti del Carnevale, uno dei più famosi d’Italia. Putignano è una caratteristica località situata tra le colline della Murgia in mezzo a grotte e trulli. In paese ci sono numerose chiese da visitare tra cui la chiesa madre di San Pietro Apostolo, la Chiesa di San Filippo, la Chiesa di San Lorenzo, la Cappella di San Biagio e l Chiesa dei Cappuccini. Tempo libero per le visite e per ammirare tutte le attrazioni del carnevale. Nel pomeriggio partenza per il rientro ad Arezzo. Sosta per la cena libera.

QUOTA DI PARTECIPAZIONE € 290,00
Quota di partecipazione bambini 3/14 anni n.c. in 3° letto € 190,00
Supplemento camera singola € 44,00 (possibilità di abbinamento su richiesta)
La quota comprende: Viaggio in pullman g/t – trattamento di pensione completa dal pranzo del primo giorno alla colazione del terzo – bevande ai pasti – sistemazione in hotel 3*sup/4*– escursioni come da programma con servizio di guida specializzata dove specificato – assicurazione medico/bagaglio (massimale spese mediche € 500,00/bagaglio € 300,00 condizioni dettagliate della polizza disponibili in agenzia / possibilità di aumentare il massimale delle spese mediche) – accompagnatore Pepita.

La quota non comprende: Ingressi dove previsti – eventuale tassa di soggiorno in hotel – eventuale assicurazione annullamento – mance

IL VIAGGIO SARA’ CONFERMATO CON MINIMO 30 PARTECIPANTI

I POSTI IN PULLMAN SARANNO ASSEGNATI IN ORDINE DI PRENOTAZIONE

ACCONTO ALL’ATTO DELLA PRENOTAZIONE € 90,00
POSSIBILITA’ DI PRENOTARE PER FACEBOOK/ MAIL / TELEFONO
PAGAMENTO CON BONIFICO O CARTA DI CREDITO

(Organizzazione: Isla Bonita Viaggi – Montevarchi (Ar) – tel. 055 910 2177)